Chi ha bisogno di un diffusore?

Diffusore Arômantique

A volte rifletto su quanto improbabile possa apparire la mia scelta di trasformare l’attività di ristrutturazione di edifici, in un lavoro così etereo e impalpabile come quello di creare profumi per ambienti.

Eppure mi rendo conto che esiste un filo rosso che lega queste due professioni, ed è quello di risolvere un problema abitativo.
Certo, l’aspetto che più adoro della mia nuova attività, è quello di riuscire a racchiudere in una boccetta un’emozione, una qualità, una caratteristica che il cliente vuole esprimere, con cui vuole mostrarsi al pubblico.
Sto parlando della creazione del logo olfattivo, dell’immagine odorosa che rimarrà inchiodata nella memoria olfattiva del cliente per tutta la vita.
Ma questa poetica visione può sembrare un vezzo, un capriccio, non una necessità.
Allora non possiamo dimenticare che diffondere nell’ambiente un profumo naturale usando un diffusore ionizzante, risolve molti problemi legati all’odore dei luoghi.

Il risultato è stato che dopo due giorni di funzionamento quasi ininterrotto l’odore di muffa era sparita. Adesso, dopo 2 anni a volte riemerge un odore di chiuso, ma so come fare.

Diffusore ArômantiquePuò essere sorprendente l’efficacia di un diffusore ionizzante nei casi in cui odori persistenti appestino l’aria, o nei piani terra che soffrono di più dei problemi di umidità, o negli ambienti dove non c’è ricambio d’aria e l’odore di chiuso a volte toglie il respiro.
La giusta miscela di oli essenziali può eliminare l’odore di fumo, di muffa, di chiuso, senza utilizzare cloro o altre sostanze di sintesi.

Anche in questo caso, la scelta delle miscele da utilizzare è fondamentale, ed ovviamente ci orienteremo verso miscele che hanno un effetto rinfrescante, sanificante, profumante.

Solo nei casi in cui si intende risolvere un problema specifico io consiglio l’utilizzo di oli essenziali puri, non miscelati con olio di mandorla, in quanto l’effetto deve essere di trasformare la struttura chimica dell’aria grazie proprio alla composizione degli oli essenziali.
Per qualcuno l’aroma risulterà troppo intenso, ma questo sarà necessario fino alla risoluzione del problema.
Successivamente si ricomincerà a usare miscele più soft, più adatte alla nostra sensibilità olfattiva.

Una volta provato un diffusore ionizzante non potremo più farne a meno: il nostro olfatto ci richiederà un magico aroma sempre, in soggiorno, in camera, in bagno.
E quello che accadrà ci riempirà di soddisfazione: in ufficio si lavorerà più concentrati, in reception ci sarà più armonia, in camera si dormirà come bambini, nella spa ci sembrerà di essere in un giardino tropicale, nella hall nasceranno nuove amicizie, il bagno ci sembrerà fresco e pulito.
E il nostro animo sarà equilibrato e sereno.

Chi ci rinuncia?
Nessuno vorrà tornare nella grigia monotonia di una vita senza coccole all’olfatto, il nostro senso dimenticato. Usate i prodotti della natura per volervi bene e vivrete meglio.