La Natura è la mia materia prima

piante aromatiche

Molti mi chiedono di spiegare come riconoscere un profumo botanico naturale da un profumo di sintesi.

È facilissimo, basta guardare l’elenco degli ingredienti che lo compongono, che deve essere breve e comprendere solo materie prime naturali.

Infatti meno costituenti troviamo, minore è la possibilità di trovare un prodotto artefatto.

L’etichetta di un profumo naturale, non ha nomi incomprensibili, come possono essere le sigle dei siliconi e derivati del petrolio, ad eccezione dei nomi latini degli oli essenziali contenuti.

L’etichetta di un profumo naturale è semplice e può contenere: oli essenziali e olio vettore, se si tratta di un profumo in base d’olio; oli essenziali, olio vettore e cera d’api o vegetale, burro vegetale se si tratta di profumo solido e infine oli essenziali, idrolati e alcol vegetale se parliamo di un profumo in base d’alcol.

Niente altro.

Slider1920_giardinoI profumi in base d’alcol, che io non uso, possono comunque essere considerati naturali, salvo verificare origini e qualità dell’alcol che li compone.

Io prediligo i profumi in base d’olio, non solo perché mantengono intatto l’aroma originale dell’olio essenziale, ma anche perché, a mio avviso, l’olio vettore che sia di mandorla, di vinaccioli o di jojoba, rende naturalmente più disponibili le proprietà ed i principi attivi degli oli essenziali.

Possiamo immaginare gli oli essenziali come composti da piccole sfere chiuse che rilasciano il loro contenuto solo quando un solvente riesce a creare dei varchi sulla loro superficie esterna.

L’olio vettore quindi è come una chiave che apre la porta e sprigiona il prezioso contenuto delle essenze.

L’alcol è anch’esso un solvente, ma io lo percepisco come una forzatura su un materiale che è si potente ma anche delicato, da trattare con rispetto per riuscire a godere della totalità delle sue caratteristiche.

In qualche modo l’alcol trasforma la qualità olfattiva dell’essenza connotandola con un retrogusto a mio avviso prevaricante.

Slider2_1920

Altra caratteristica fondamentale da considerare per valutare la naturalità del profumo è il metodo di estrazione degli oli essenziali utilizzati.

I metodi sono vari, ma quello più naturale è la distillazione in corrente di vapore che non aggiunge niente al contenuto delle piante e soprattutto può essere modulata secondo i tempi di rilascio della pianta, senza forzare per ottenere più distillato.

Alcuni materiali da distillare, per esempio i petali di alcuni fiori come la rosa o il frangipani, invece sono così delicati che non possono essere distillati con il vapore perché il calore distrugge le proprietà olfattive dell’olio e quindi gli oli essenziali vengono ottenuti con sistemi a bassa temperatura grazie all’uso di solventi chimici.

Questo procedimento utilizza solventi più o meno innocui per l’uomo, che rendono l’olio essenziale ottenuto non completamente adatto all’uso aromaterapico.

Sta a noi capire quanto vogliamo un’aroma di Rosa dentro il nostro profumo e quanto invece lo vogliamo totalmente aromaterapico.

Adoro le essenze fiorite e quindi mi adatto al profumo aromaterapicamente imperfetto a favore del paradisiaco aroma.

Altro metodo estrattivo considerato naturale è la pressatura delle bucce, metodo di estrazione delle essenze degli agrumi.

Queste essenze risultano molto gradevoli, molto efficaci, ma anche molto delicate, infatti non essendo state sottoposto alle alte temperature del vapore, non amano il caldo e vanno tenute al fresco ed utilizzate entro un anno dall’apertura della boccetta.

Un capitolo a sé sono gli idrolati, le cosiddette acque aromatiche, come l’acqua di rosa o di lavanda.

Gli idrolati vengono prodotti con la distillazione in corrente di vapore, in pratica è l’acqua che rimane dopo la distillazione, un’acqua che risulta aromatizzata da una piccola quantità di oli essenziali, una quantità tale da rendere l’idrolato adatto a qualsiasi uso, anche all’ingestione.

Ovviamente bisogna essere certi della qualità e della purezza dell’idrolato, altrimenti tutti i discorsi fatti non valgono.

L’etichetta di un idrolato contiene un unico ingrediente: idrolato di…

Se nell’etichetta sono presenti additivi, conservanti o altro non si sta parlando di idrolato, ma di acque che sono diventate aromatiche perché additivate.

Img1920_fiori

In ogni caso il mio consiglio è di seguire il vostro naso.

Ognuno di noi dentro di sé percepisce sempre la qualità di quello che abbiamo davanti.

Allora, la tecnica è sempre la stessa, chiudete gli occhi, lasciarsi andare e annusare.